Chianti DOCG - IL PIASTRINO

Vini, Vini rossi

Typology

Vino rosso. Denominazione di origine controllata e garantita DOCG

Breeding system

Guyot

Soil

Suolo Tufaceo

Production area

Vinci (FI)

Vine average age

15

Blend

Sangiovese, Colorino, Canaiolo, Malvasia Nera del Chianti

Harvest

2019

Alcohol volume

13°

Color

Rosso rubino carico

Smell

Aroma fruttato, speziato, con sentori di frutta, cannella e pepe

Taste

Ingresso caldo con struttura decisa ma armonica persistente. È un vino ben strutturato, morbido e giustamente tannico

Serving temperature

16°C

Matching

Eccellente per umidi, formaggi stagionati, carni alla griglia, arrosti e selvaggina.

Winemaking

In tini di acciaio inox

Fermentation

avviene nei serbatoi di acciaio per 10-12 giorni.A termine della fermentazione il vino viene affinato in vasche di cemento dove avviene la fermentazione malolattica. Viene conservato nelle vasche fino all’imbottigliamento.

Refinement

3 mesi in vasche di cemento e 6 mesi in bottiglia

Price: 9,00

Quantity

1

100 in stock

Chianti DOCG - Vino rosso (Denominazione di origine controllata e garantita). Il Divin Vino di Vinci prodotto nella terra natia di Leonardo, con passione secondo la vecchia tradizione toscana, con la raccolta manuale delle uve. Prodotto e confezionato dall’Azienda Agricola Il Piastrino di Vinci (FI). Per info e prenotazioni Contattaci
(1 customer review)

Description

Chianti DOCG – Vino rosso (Denominazione di origine controllata e garantita).

Il Divin Vino di Vinci prodotto nella terra natia di Leonardo, con passione secondo la vecchia tradizione toscana, con la raccolta manuale delle uve.
Prodotto e confezionato dall’Azienda Agricola Il Piastrino di Vinci (FI).

La denominazione di origine Chianti DOCG comprende le tipologie ChiantiChianti superiore e Chiantiriserva, con riferimento anche alle sottozone:  Chianti Colli AretiniChianti Colli FiorentiniChianti Colli SenesiChianti Colline PisaneChianti MontalbanoChianti Montespertoli e Chianti Rufina.

L’area di produzione del Chianti DOCG è molto estesa si trova nella parte centrale della Toscana, ed interessa parzialmente i territori collinari, a ridosso degli Appennini, delle provincie di ArezzoFirenzePistoiaPisaPrato e Siena.

 

Qui la vite era già coltivata in epoca etrusca (Chianti viene dal toponimo etrusco Clante), ma il nome geografico riferito al vino compare per la prima volta solo nel XIV secolo. In compenso, quella chiantigiana è una delle prime zone viticole ufficialmente definite in Europa, nel 1716, con decreto del granduca di Toscana Cosimo III de’ Medici.

Divisa in numerose sottoaree alle quali corrispondono altrettanti vini, che rispondendo allo stesso disciplinare, hanno caratteristiche diverse soprattutto in dipendenza dalle peculiarità morfologiche e geologiche del terreno.

I vini provenienti dalle diverse sottozone differiscono inoltre per la gradazione alcolica minima: in generale il Chianti DOCG deve avere un titolo alcolometrico pari a 11,5% vol., tuttavia per le sottozone Colli Fiorentini, Montespertoli e Rufina e per la tipologia Superiore la gradazione alcolica minima è del 12% vol.

 

Condizioni generali della vinificazione:

Il Chianti DOCG è il prodotto della vinificazione di un uvaggio complesso e composito, composto da Sangiovese per almeno il 75%, Canaiolo nero per non oltre il 10% e Trebbiano Toscano e Malvasia del Chianti, singolarmente o congiuntamente, non oltre il 10%.

A queste si possono aggiungere anche uve da altri vitigni, raccomandati ed autorizzati per la zona di produzione entro i seguenti limiti: ogni vitigno non può essere presente in misura superiore al 10%, ed insieme non devono superare il 15% per il vino Chianti DOCG; tale limite può raggiungere il 20% nel caso si indichi la sottozona di provenienza.

La base ampelografica del Chianti è del 1870 e si deve al barone Bettino Ricasoli. Secondo la sua teoria, il vino riceve dal Sangiovese la dose principale del suo profumo e una certa vigoria di sensazione; dal Canaiolo l’amabilità che tempra la durezza del primo senza togliergli nulla del suo profumo, per esserne pur esso dotato; la Malvasia tende a diluire il prodotto delle prime due uve, ne accresce il sapore e lo rende più leggero e più pronto all’uso quotidiano.

Il Chianti DOCG è un eccellente vino che si presenta alla degustazione di un bel colore rosso rubino vivace, tendente al granato con l’invecchiamento, profumo intensamente vinoso, con chiare note di mammola, sottobosco, e frutti rossi e, con l’invecchiamento fine ed intenso, con note anche di spezie, legno e vaniglia.

In bocca è corposo e leggermente tannico, dal sapore armonico, sapido ed asciutto, e tende ad acquistare col tempo caratteristiche maggiormente morbide e vellutate, acquisendo nel contempo ricchezza e complessità.